Corso Logistic Specialist – Logistica 4.0 e sostenibilità ambientale

BOLOGNA – Proseguono senza interruzioni, in modalità e-learning, le lezioni dedicate al Modulo economico del Corso Logistic Specialist 2020, organizzato dall’Associazione Logtraining (patrocinata dal Gruppo Federtrasporti e dall’Associazione Stefano Zunarelli per il diritto allo studio).

Nella giornata di venerdì 24 aprile, l’Ing. Andrea Fossa, Direttore Scientifico dell’Osservatorio Contract Logistics presso il Politecnico di Milano, nonché Co-Fondatore di GreenRouter, piattaforma web-based per il calcolo, la rendicontazione e la gestione delle emissioni di CO2e nella logistica, con il supporto del Dott. Fabio Bruschi (Analista Green Logistics presso GreenRouter) ha tenuto una docenza in tema di sistemi informativi a supporto del trasporto (cc.dd. Transportation Management System, in sigla TMS), innovazione tecnologica e digitale nel mondo della logistica e sostenibilità ambientale (c.d. Green Logistics).

In guisa di introduzione, il Relatore ha esaminato l’ampia gamma di funzionalità offerte dai software dedicati alla gestione e al supporto del processo di trasporto (c.d. TMS). Occorre, a tal proposito, precisare che l’implementazione di tali software nel core business di un’impresa di logistica e trasporto consente non solo una gestione amministrativa dei flussi di costo, dei contratti, delle tariffe, del personale e degli automezzi, ma anche una pianificazione strategica dei viaggi attraverso la multimodalità, l’ottimizzazione della saturazione dei mezzi e il c.d. routing.

Inoltre, i TMS consentono all’operatore logistico di monitorare il carico, in tempo reale, sino a destino e di riorganizzare in maniera efficiente e del tutto automatica i booking del parco veicolare.

Nel corso della lezione è, altresì, emersa una rilevante considerazione: l’innovazione tecnologica e digitale non è un aspetto che si limita esclusivamente alle singole imprese, ma dovrebbe auspicabilmente – per essere efficace – informare l’intero settore in un’ottica collaborativa di filiera. Vale, pertanto, l’osservazione che soltanto uno scambio frequente di dati tra tutti i soggetti interessati (produttore, distributore, operatore logistico e vettore) potrà condurre ad un reale efficientamento complessivo delle operazioni logistiche.

Dalle parole del Docente abbiamo, dunque, compreso come l’implementazione della Logistica 4.0 non rappresenti affatto un problema di tecnologia, quanto piuttosto sia, purtroppo, inquadrabile in termini di reticenza degli operatori del settore a rivoluzionare e ammodernare i propri business model.

Successivamente, il Docente ha introdotto i corsisti all’appassionante tema della sostenibilità ambientale nel settore della logistica e dei trasporti. La riduzione delle emissioni di CO2e risulta oggi una esigenza particolarmente sentita sia a livello internazionale che nazionale, con riferimento ad ogni settore dell’economia, e certamente necessiterà, negli anni a venire sempre più, di risposte concrete con urgenza.

Tra i settori economici che meritano considerazione, il settore del trasporto e della logistica, in taluni casi ingiustamente stigmatizzato dall’opinione pubblica, ha, comunque, dimostrato di essere recettivo, adottando sistemi tecnologici avanzati per abbattere le emissioni di CO2e provocate. Nel novero delle predette tecnologie si possono senz’altro citare, ad esempio, software di efficientamento dei trasporti, ammodernamento delle flotte con veicoli di ultima generazione e alimentati da carburanti alternativi e pneumatici LRR.

A tal proposito, meritano altresì menzione i magazzini, e gli edifici logistici in genere, nei quali il consumo energetico per illuminazione, movimentazione e refrigerazione risulta essere il principale responsabile per l’emissione di CO2e.

In particolare, l’Ing. Fossa e il Dott. Bruschi hanno successivamente illustrato ai corsisti gli step necessari per il passaggio da un “magazzino inefficiente” ad un “magazzino carbon neutral”.

Infine, dopo una introduzione di carattere teorico sui metodi di calcolo di consumo di energia e di emissione di CO2e del trasporto, in conformità alla normativa EN 16258, i Docenti hanno analizzato, in chiave pratica, come di consueto avviene durante le lezioni del Corso Logistic Specialist, alcune rendicontazioni di emissione di CO2e di importanti multinazionali.

In chiusura dell’incontro, non è mancato nemmeno un momento di esercitazione per i Corsisti, con una sessione di demo della nota piattaforma web-based GreenRouter, di cui l’Ing. Fossa è Co-Fondatore.

In tal occasione, la classe ha, quindi, potuto approfondire l’effettivo funzionamento dei software di calcolo delle emissioni di CO2e nel trasporto delle merci.

A seguire, inutile dire che tra i corsisti e i Docenti si è sviluppato un interessante e vivace dibattito, anche a fronte delle numerose domande e curiosità rivolte dalla classe.

Si ricorda che, al termine del Corso, i partecipanti avranno l’opportunità di svolgere un periodo di stage presso importanti aziende del settore, potendo, così, mettere in pratica le competenze acquisite attraverso le lezioni in aula.

Per informazioni sul Corso Logistic Specialist e per collaborazioni in qualità di azienda partner è possibile visitare il sito https://www.corsologisticspecialist.it/, oppure contattare direttamente i Tutor all’indirizzo tutor@corsologisticspecialist.it.

Share on...